L’Adolescente di Michelangelo Buonarroti
24 Gennaio 2019
ArcheoRunning e Portatelovunque
17 Febbraio 2019

ArcheoRunning ad Ancona

Chi ci conosce sa che arte e sport sono il nostro must quindi, mentre gareggiano i nostri migliori atleti nei Campionati Assoluti Italiani, vogliamo parlarvi della bellissima città che li ospita, una città che ha una storia lunga 2.400 anni. Ancona.

L’antica Ankòn, l’Ancona medievale, quella napoleonica, risorgimentale e contemporanea, ma a noi non poteva non colpire quella romana.

Siamo arrivati in città con una idea non troppo precisa di quello che volevamo vedere, il motivo per cui eravamo lì era un altro, che presto vi sveleremo.

Così dopo aver dato una rapida occhiata ad una guida on line, ci siamo messi alla ricerca dell’Ancona romana, senza naturalmente disdegnare altro.

Come accade spesso le cose più belle sono quelle inaspettate. Evidentemente avevamo letto velocemente la guida su Ancona ed era sfuggita la sorpresa che ci siamo trovati davanti mentre percorrevamo gli scalini che ci avrebbero portato verso la Duomo di San Ciriaco. Il Millenario Duomo che svetta sul vertice del promontorio, uno dei simboli della città; romanico nella decorazione, bizantino nella pianta a croce greca, domina il mare da tre lati ed ha un portale caratterizzato da due leoni stilofori, che sono fra i simboli di Ancona.

Ma poco più sotto ecco l’Ancona romana che non ti aspetti. Un bellissimo Anfiteatro risalente al I secolo d.C., con annessi spazi termali dai quali affiorano mosaici con epigrafe (Via Pio II). Alcuni settori dell’anfiteatro sono ancora oggetto di scavi e dunque sono di difficile lettura. La zona dell’ingresso principale, visibile da Piazza Anfiteatro, è invece godibile da tutti; l’ingresso è comunemente detto “Arco Bonarelli”, in quanto costituiva le cantine del palazzo nobiliare della famiglia Bonarelli, che sorgeva a fianco dell’anfiteatro.

All’arrivo dei Romani nel Piceno Ancona attraversò un periodo di transizione tra la civiltà greca e quella romana. Le tappe principali della romanizzazione furono due: il 133 a.C., quando ci fu la deduzione di una colonia romana nell’agro anconitano in seguito alla Lex Sempronia Agraria, e il 90 a.C. quando fu istituito il municipio romano in seguito alla Guerra Sociale. Da quell’anno Ancona può dirsi città romana, pur rimanendo per alcuni decenni un’isola linguistica e culturale greca. In età imperiale svolse per Roma la funzione di collegamento marittimo con l’Oriente e per questo l’imperatore Traiano ne ampliò il porto.

Continua la scoperta delle memorie romane di Ancona e dal vertice del promontorio si arriva giù al porto.

Qui ammiriamo l’Arco di Traiano che si trova esattamente sul Molo Nord. Fu edificato nel 115 d.C. su probabile progetto di Apollodoro di Damasco sul molo che l’imperatore volle a protezione del porto. In ottimo stato di conservazione, ha le linee eleganti e slanciate degli archi romani ad un solo fornice e a prospetto rettangolare. Subì lo spoglio delle decorazioni bronzee dorate nel IX secolo da parte dei pirati saraceni. Fin dall’epoca romana uno dei simboli della città e della sua apertura verso i paesi del Mediterraneo orientale.

Non ancora contenti visitiamo la bellissima Chiesa di Santa Maria della Piazza, del IV – VI secolo d.C. Situata in piazza S. Maria, secondo alcuni era l’antica cattedrale di Santo Stefano. Ma è quello nascosto sotto la chiesa che mi lascia stupefatta. Una Basilica paleocristiana con bellissimi mosaici policromi con simbologia paleocristiana, resti delle absidi, dei colonnati, del fonte battesimale e della cattedra. Sono visibili, dietro l’abside, mura in blocchi di arenaria di età ellenistico-repubblicana (II secolo a.C.) pertinenti alle mura cittadine oppure alle strutture portuali.

Naturalmente abbiamo avuto modo di ammirare anche le geniali opere portuali di Luigi Vanvitelli, del 1733 come il Lazzaretto: costruito su un’isola artificiale a pianta pentagonale realizzata all’interno del porto sotto la direzione dello stesso artista.

Naturalmente questi sono solo piccoli cenni di tutto quello che offre la città. Definiremo questo una interessante accenno, così da stuzzicarvi in una più lunga e accurata visita alla città, magari con le nostre indicazioni e i nostri suggerimenti!