Il mistero della Piramide con ArcheoRunning
11 Gennaio 2019
L’Adolescente di Michelangelo Buonarroti
24 Gennaio 2019

Il Mausoleo di Cecilia Metella e la via Appia con ArcheoRunning.

Simbolo indiscusso della via Appia, salvata dalla disturzione dai romani, il Mausoleo di Cecilia Metella è un altro simbolo indiscusso e misterioso.

Costruita negli anni compresi tra il 30 ed il 20 a.C. per la nobile romana Cecilia Metella, come recita la grande iscrizione funeraria, si trova oggi inglobata in quello che viene chiamato Castrum Caetani.

Ma Andiamo per ordine.

Cecilia era figlia di Quinto Cecilio Metello, grande personaggio politico che formò, insieme a Cesare e Pompeo, il primo triumvirato. Il rango della famiglia spiega sia la posizione dominante, rispetto alla strada, del mausoleo, su un rilievo che ne consente la visibilità anche da notevole distanza, sia la sinteticità dell’iscrizione, in quanto i nomi ivi incisi erano sufficienti a ricordare ai passanti il livello sociale della defunta.

Nell’XI secolo il sepolcro venne utilizzato come torrione di un castello di proprietà dei Conti di Tuscolo, ai quali subentrarono nel 1299 i Caetani. Questi occuparono la tomba e la incorporarono in un vero e proprio borgo fortificato denominato “Castrum Caetani”, da cui i Caetani controllavano il traffico sulla strada, riscuotendo esose gabelle. Altro esempio, quindi, di monumento giunto a noi perchè utilizzato in epoca medioevale come torre difensiva e di avvistamento. Quando i Caetani persero il loro potere, non molto tempo dopo la realizzazione dei vari edifici, il castrum passò tra le proprietà di altre nobili famiglie romane, ma con una funzione diversa, privo della sua originaria destinazione di fortezza, era legato piuttosto allo sfruttamento agricolo della campagna circostante. Seguì, da questo momento, un lento declino: iniziarono le attività di spoliazione per il riutilizzo dei materiali, in particolare quelle volute dai Farnese che culminarono nel 1588, anno in cui il papa Sisto V aveva programmato la demolizione del sepolcro, insieme ad altre ben note vestigia dell’epoca classica. Fortunatamente però il mausoleo fu salvato per volere del popolo romano in Campidoglio.

Volete conoscere di più su questo bellissimo monumento sulla via Appia? Vi aspettiamo il 24 ottobre!